Lo ammetto il titolo è curioso e può suscitare un sorrisino, ma l’argomento è serio e racconta di un’esperienza molto originale che ho vissuto in prima persona, ovvero: boscaiolo per un giorno per affinare le tecniche aziendali di organizzazione e gestione dei flussi.

Ma cosa c’entra  tagliare alberi e piante con un’azienda? Tantissimo.

Andiamo con ordine.

Periodicamente curo la mia formazione personale e professionale tramite corsi, aggiornamenti, libri, audio libri e quant’altro. Questa volta ho voluto farmi un regalo un po’ speciale, ovvero un “autocorso di sviluppo delle tecniche di organizzazione e gestione dei flussi aziendali” imparando dalla natura e da un mestiere poco conosciuto ma tanto interessante.

In cosa consisteva la formazione e l’attività prevista?
La formazione consisteva nel vivere una giornata (in realtà una mattinata e parte del pomeriggio) a potare alberi, piante e sistemare una parte di un giardino.

Un esperto mi ha dato indicazioni sul cosa andava fatto (potare un albero, creare le fascine, potare una siepe, pulire la base delle piante e riempire i sacchi con foglie e rami)  ma non come farlo (in modo che io potessi sperimentare i disagi nel non organizzare il lavoro a priori). Mi ha anche illustrato l’uso di alcuni attrezzi (ascia, pala, forbici da potatura, guanti speciali, macete ed una sega) e di semplici accortezze per la mia sicurezza.

Perchè fare una cosa del genere?
Le risposte e gli insegnamenti che ho avuto sono stati sorprendenti. Vediamole insieme.

Per prima cosa, decidere di fare un’esperienza del genere ha le seguenti motivazioni e benefici:

  • è già una grossa fonte di insegnamento, in quanto si abitua la mente ad uscire dai soliti classici schemi di formazione e di apprendimento (lo stesso principio del brainstorming);
  • si hanno nuove opportunità di riflessione, perchè vivendo in un ambiente diverso da un ufficio o da una sala conferenze le associazioni celebrali variano e se ne creano di nuove;
  • rilassa il corpo e la mente in quanto stando a contatto della natura si regolarizzano le frequenze naturali del corpo, portando la percezione ad uno stato migliore;
  • svolgere e coordinare i movimenti fisici aiuta a mantenere più libera la mente;
  • aiuta ad uscire dalla propria zona di comfort;

 

Come si può formare la cultura aziendale stando in mezzo a piante e terra?
La cultura aziendale è una grandissima risorsa da creare, mantenere e gestire. Chi fa azienda sa bene quanto è difficile organizzare una struttura, gestire le risorse, lavorare in team, gestire i tempi, ecc ecc.
Se non è chiara una strategia ed un modo di operare ben preciso, si va alla deriva.

Immaginate un gruppo di soldati che deve andare in guerra senza un metodo ben preciso e condiviso da tutti e senza essere coordinati da un comandante organizzato e che conosca esattamente cosa fare, quando farlo e come farlo…

Cosa ho potuto imparare?

  • ho sperimentato praticamente cosa avviene nel non organizzare precisamente un lavoro composto da singole attività che si completano tra loro. Mi sono ritrovato a non aver più spazio per la seconda potatura in quanto non avendo organizzato bene la prima, avevo occupato tutto lo spazio. Ho dovuto prima pulire tutto e spostare molti rami per poi “risporcare” nuovamente l’area di lavoro (doppio lavoro).
  • pulizia ed ordine sono importanti, in quanto non c’è spreco di tempo ed energie. Studiando l’area di lavoro ed i miei obiettivi, ho trovato il giusto modo per tagliare in un certo modo e ritrovarmi i rami già pronti per l’accumolo, lasciando anche la mia area di lavoro sempre pulita.
  • i flussi lavorativi devono tener conto dei flussi di altre attività al fine di non creare tempi morti o blocchi del processo. Organizzando meglio le priorità nell’uso di utensili avremmo lavorato tutti sempre e senza interruzioni o attese.
  • la pratica e l’esperienza aiuta molto. A fine giornata riuscivo a tagliare con più disinvoltura, a colpire con l’ascia nello stesso punto più volte ed ad inquadrare meglio i passaggi corretti da seguire.

La cosa forse più importante che ho potuto sperimentare è quella che uscire dagli schemi aiuta molto il cervello a trovare nuove idee e visioni più complete.

Ci sono altri fattori davvero arricchenti da questa nuova opportunità di apprendere, ma non voglio far elenco troppo lungo.

Alla prossima nuova ed originale esperienza formativa!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.