Maria Grazia Roberto

7
Nov

Usabilità: Metodi per la sua valutazione

Dopo aver esaminato il “Decalogo” di Jakob Nielsen, il guru dell’usabilità, è il momento di scoprire se esistono e quali sono i metodi per la valutazione dell’usabilità. A dire la verità di metodi ne esistono molti: ognuno presenta caratteristiche che lo rendono adeguato a particolari prodotti e applicabile durante la fase iniziale oppure quella di costruzione o di verifica finale

Leggi tutto

7
Nov

Da Arpanet ad Internet

Nella nostra società, informatizzazione e telematica rappresentano un binomio di straordinaria importanza e diffusione tanto da fornire strumenti indispensabili e irrinunciabili nello svolgimento di attività quotidiane anche di indubbia complessità. Tali tecnologie hanno consentito, nel corso degli anni, un enorme salto di qualità, introducendo nuove forme di comunicazione, di elaborazione e di archiviazione delle informazioni che sono state impiegate sia a livello

Leggi tutto

7
Nov

Usabilità: Le 10 Euristiche di Jakob Nielsen

I problemi d’usabilità nascono quando l’utente non riesce ad intuire le modalità di funzionamento del prodotto e deve necessariamente sforzarsi ad eseguire azioni molto lontane dalle sue aspettative e dalle sue normali modalità di esecuzione. Allora viene naturale chiederci se esistano dei principi che permettano di comprendere cosa di un prodotto software sia desiderabile e cosa non lo sia. La

Leggi tutto

7
Nov

Usabilita’ secondo vari autori

Come avete potuto capire dai precedenti articoli l’usabilità non è un concetto così semplice ed immediato. Infatti, diversi ricercatori hanno tentato di chiarire tale concetto. Vediamo cosa hanno detto. Shackel L’usabilità, secondo Shackel, di un artefatto consiste nella “sua capacità, in termini di caratteristiche cognitive umane, di essere utilizzato facilmente ed efficacemente da una specifica categoria di utenti, posto uno

Leggi tutto

7
Nov

Usabilita’ : Definizione ISO

Una prima definizione di usabilità fornita dall’ International Standard Organization ( I.S.O.) è la seguente: ” l’usabilità è la capacità del software di essere compreso, appreso,  usato e gradito dall’utente quando usato in determinate condizioni “. Ma successivamente lo standard ISO ha formulato una definizione ancor più precisa in cui si definisce l’usabilità come: ” il grado in cui un

Leggi tutto

7
Nov

Cosa è la firma digitale prima parte

 Una definizione legislativa di firma digitale è contenuta nell’art. 1 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445 (disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, anche denominato Testo Unico in materia di Documentazione Amministrativa) che contiene la seguente definizione: “La firma digitale è un particolare tipo di firma elettronica qualificata basata su un sistema di chiavi asimmetriche a coppia, una pubblica

Leggi tutto

7
Nov

Usabilita’ : Cos’e’?

Immagino che dopo l’articolo sulla storia dell’usabilità del software una domanda vi sia sorta spontanea (come dice un famoso giornalista!): ” Ma l’usabilità, allora, cos’è? “ Beh, la risposta a questa vostra domanda la scoprirete solo…. leggendo! L’usabilità è la misura della qualità dell’esperienza di un utente in interazione con qualcosa, sia esso un sito web o un’applicazione software tradizionale

Leggi tutto

7
Nov

Usabilità : la storia dell’usabilità del software

Quante volte avete sentito parlare di usabilità di un software, di un programma? Penso abbastanza spesso. E quante volte vi siete chiesti ma cos’è? Come la si può definire? Quando si è cominciato a parlare di usabilità?   Beh! In questo e nei successi articoli cercherò di dare una risposta a tutte le vostre domande su questo argomento.  Iniziamo con

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: le Tipologie

Con questo articolo concludiamo il nostro viaggio panoramico nel mondo dell’E-Learning. La domanda che ora ci poniamo è:  “Ma come è suddiviso questo mondo?”   L’E-Learning essenzialmente si divide in due tipologie di approccio didattico: BLENDED LEARNING PURE LEARNING Analizziamo brevemente entrambe le tipologie di apprendimento.   BLENDED LEARNING Il Blended Learning, letteralmente apprendimento misto, prevede la “compresenza” dell’attività didattica

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: la Scuola

Ed eccoci giunti all’ultimo articolo sullo stato dell’arte dell’e-learning in Italia. In particolare, verrà quì di seguito analizzato lo stato dell’arte dell’e-learning nel quarto ed ultimo, non certo per importanza, segmento di mercato analizzato: la Scuola.  Obiettivi della ricerca L’Osservatorio sull’e-learning dedicato al settore Scuola si è posto l’obiettivo di sondare la diffusione dell’e-learning e più in generale dell’uso delle ICT nella didattica.

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: Le Università italiane

Procediamo, ora, con l’analizzare i risultati ottenuti dall’indagine dell’Osservatorio sull’e-learning effettuata sulle università presenti sul nostro territorio nazionale. Qual è l’obiettivo che si è posti? Come si è svolta tale indagine? L’indagine si è focalizzata sulle università italiane con l’obiettivo di osservare l’evoluzione delle tendenze relative alla diffusione di attività in e-learning presso gli atenei. Essa si è articolata in

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: La Pubblica Amministrazione

  Analizziamo, ora, le caratteristiche e le dinamiche dell’e-learning relativamente alla seconda delle quattro aree di fruizione: la Pubblica Amministrazione.   A chi si è rivolta la ricerca dell’Osservatorio ANEE sull’e-learning 2006? La ricerca è stata rivolta a 251 enti, a tutti i livelli dell’apparato amministrativo pubblico. In particolare, è stato consegnato il questionario a: 38 Amministrazioni Centrali, tra Ministeri

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: Le Aziende – il mercato italiano dell’e-learning

Siete pronti? Ok! Si comincia! Iniziamo con l’analizzare brevemente le metodologie di ricerca adottate dai quattro gruppi (aziende, università, scuola e pubblica amministrazione) di cui abbiamo già parlato nel precedente articolo “E-Learning: A che punto siamo in Italia?”. In questo articolo esaminiamo, basandoci sui dati forniti dall’Osservatorio ANEE 2006, lo stato dell’arte dell’e-learning nel primo segmento di mercato analizzato: le

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: A che punto siamo in Italia?

A questo punto una domanda sorge spontanea: “Ma a che punto siamo con l’e-learning nel nostro bel Paese?” Beh! In nostro aiuto arrivano i dati forniti dall’ Osservatorio ANEE/ASSINFORM sull’E-learning del novembre 2006, l’ultimo effettuato su questo argomento. Basandoci su questi dati procederemo con lo studiare le tendenze in atto sul mercato. L’indagine dell’Osservatorio sell’E-learning 2006 si è posta l’obiettivo

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: Pro e Contro.

Ma quali sono gli aspetti che rendono valido l’e-learning e quali quelli che ne rendono l’uso rischioso? Gli aspetti positivi possono essere riassunti nei seguenti punti chiave: offre un’ampia gamma di percorsi per acquisire technical e business skills in ambito aziendale, ma anche conoscenze specifiche in ambito scolastico e soprattutto universitario; presenta situazioni reali o simulazioni plausibili che coinvolgono l’utente

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: Dove? Quando?

Vediamo, ora, di capire se effettivamente è sempre possibile sfruttare questa grande risorsa che è l’e-learning e qual è il “luogo migliore” per la fruizione dei corsi. In pratica verifichiamone la sua applicabilità. Dove e quando è possibile l’E-learning? I possibili luoghi dell’apprendimento sono diversi. Infatti, un utente può decidere di seguire i corsi da casa, dall’ufficio o da una

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: Caratteristiche e Variabili

L’ Osservatorio ANEE, negli anni, ha svolto diverse indagini affinchè lo sviluppo dei  processi formativi basati sull’utilizzo delle nuove tecnologie sia sempre più vicino alle reali esigenze del mondo moderno. Secondo l’ Osservatorio ANEE l’ E-learning è caratterizzato da diverse variabili e gode di varie caratteristiche. Quali sono le variabili dell’ e-learning? Le variabili sono le seguenti: la multimedialità: valorizza

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: storia ed evoluzione

L’apprendimento a distanza non è una novità dell’ ultimo decennio, ma risale a molto ma molto tempo fa.  Chi è l’antenato dell’ e-learning? Per scoprirlo bisogna andare indietro nel tempo fino al 1837, ben 172 anni fa, in Gran Bretagna, quando Isaac Pitman diede vita al primo corso di stenografia per corrispondenza dove docenti e studenti instauravano una comunicazione bidirezionale

Leggi tutto

7
Nov

E-Learning: Cos’e’?

Nell’ era delle continue trasformazioni tecnologiche, l’istruzione non può permettersi di restare indietro rispetto alle grandi opportunità che le vengono offerte dall’ uso delle nuove tecnologie di comunicazione e d’ informazione. Ma allora l’uso delle nuove tecnologie ci porta a rifiutare i tradizionali metodi di insegnamento? Ovviamente non è del tutto così. Vediamo insieme il perchè. Innanzitutto cerchiamo di capire

Leggi tutto