L’imprenditore e il Diritto Societario Internazionale

Se sei un imprenditore o vuoi aprire una tua nuova attività all’estero ti troverai difronte una serie di domande e dubbi che dovrai risolvere per “stare al sicuro” e per compredere come procedere correttamente, pertanto la scelta di un’impresa di allargare i propri orizzonti investendo o operando oltre i nostri confini nazionali richiede la conoscenza di alcuni elementi che richiedono l’intervento di un avvocato specializzato in diritto societario internazionale.

L’imprenditore valuterà la convenienza dell’operazione e il paese da prescegliere in base alle indicazioni che l’avvocato gli fornirà e cioè:

  1. la normativa prevista da quel paese per il tipo di attività che si intende esercitare;
  2. l’attività strategicamente più redditizia che l’impresa potrebbe esercitare in quel paese;
  3. che forme di società si possono costituire in quel territorio, quali sono le procedure per costituirle, che documenti sono richiesti, i tempi per la costituzione, e il  capitale minimo da versare;
  4. a quale tassazione vanno incontro le imprese, le società e i soci nel paese prescelto;
  5. i costi del personale in quel paese;
  6. la normativa sull’immigrazione in quel paese.

 

Una volta passata questa fase preliminare ed individuato il paese e l’attività da esercitare, l’assistenza dell’avvocato continuerà con l’espletamento di tutte le operazioni burocratiche da compiere fino all’effettivo inizio dell’attività in quel paese.

Una volta iniziata l’attività l’avvocato, potrà continuare a fornire consulenze all’impresa per la gestione della stessa e per valutare altri possibili investimenti.

 

Spero che queste basilari informazioni possano aiutare chi è nella fase di start-up aziendale.

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.