Cosa sono le mappe mentali? A cosa servono? Con quali software è possibile usarle? In questo articolo inizieremo a conoscerle meglio. 

 
 
Le mappe mentali sono un valido strumento per rappresentare graficamente il pensiero umano. Ideate dal cognitivista Tony Buzan intorno agli anni sessanta, oggi sono largamente usate come strumenti di annotazione e apprendimento.
 
La struttura di una mappa mentale è gerarchico-associativa e si sviluppa, disponendo gli elementi che la compongono, dal centro del foglio fino a realizzare una raggiera.
 
I tipi di associazioni che si possono fare in una mappa mentale sono :
  • Gerarchiche, si collega cioè l’elemento con quello che lo precede (rami)
  • Associative, si collega elementi disposti in punti diversi della mappa
 
Al fine di stimolare l’emisfero destro, sede delle facoltà di memorizzazione e intuizione, nonché rendere gradevole la rappresentazione, le mappe mentali devono essere ricche di immagini colorate fantasiose e paradossali; per questo motivo le mappe mentali devono essere realizzate a colori dall’inizio e non colorate in un secondo momento.
 
Ecco un esempio di Mappa Mentale realizzata su carta
 
 
Sebbene lo stesso Buzan raccomandi la realizzazione delle mappe mentali su carta in modo da sviluppare la creatività, la fantasia e l’intuizione esistono numerosi software per il mind-mapping che offrono risultati simili all’impostazione di Buzan.
 
Tra questi ricordiamo per gli open source :
 
Tra quelli commerciali invece :

 

Ecco un divertente video dimostrativo sulla creazione delle Mappe Mentali

Cosa ne pensi dell’utilizzo delle mappe mentali? Le hai mai utilizzate prima? Ti piacerebbe imparare ad usarle anche per lo studio?

Inserisci un tuo commento qui sotto!

Nessun commento

  1. 13 giugno 2011 alle 19:37

    Ho iniziato da poco ad usarle e devo dire che sono davvero eccezionali. Ho trovato finalmente un metodo veloce ed efficace per prendere appunti e creare progetti.

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.