E’ risaputo che il nostro cervello è diviso in emisfero destro ed emisfero sinistro; che l’emisfero sinistro è più specializzato nella gestione dei simboli (linmguaggio, algebra, musica…), è più analitico e procede in modo logico; che quello destro è più efficace nella percezione dello spazio, è immaginativo ed emozionale ed è più globale.

 

Qualcuno ha la predominanza dell’emisfero destro e qualcuno del sinistro; generalmente nelle donne prevale il destro e negli uomini il sinistro (ma non è vero sempre) e l’ambiente sociale influisce sulla specializzazione.

E’ stato dimostrato che la nostra capacità mentale aumenta considerevolmente quando uniamo le funzioni di entrambi gli emisferi: l’uso simultaneo dei 2, infatti, comporta maggiore facilità ed efficacia per qualunque attività.

Ma, sapevi che nel neonato gli emisferi non sono ancora specializzati e che la specializzazione avviene lentamente fino ai 5 anni e poi velocemente fino ai 16??

Conoscendo questa notizia, non credi che possiamo trarre vantaggio per guidare i bambini e gli adolescenti nel modo migliore??

Certo! ma come??

Esistono dei veri e propri esercizi che possono stimolare l’uno o l’altro emisfero.

Per stimolare lo sviluppo dell’emisfero destro si possono proporre al bambino attività come:

  • disegnare con molti colori;
  • ascoltare musica, cantare, ballare;
  • raccontargli storie;
  • invitarlo ad esprimere sentimenti ed emozioni;
  • sollecitare l’intuizione.

Attività per stimolare lo sviluppo dell’emisfero sinistro potrebbero essere:

  • operazioni matematiche a mente;
  • descrizione di sè con proprietà di linguaggio;
  • visita a musei e bibliteche;
  • valutazione di problemi e soluzioni.

Tuttavia, come ho già detto, quando entrambi gli emisferi comunicano si ha il massimo della performance. Quindi, gli esercizi di ginnastica mentale, cerebrale, possono essere, ad esempio:

  • saltello incrociato a ritmo di musica (gomito destro tocca ginocchio sinistro e viceversa) per 15 ripetizioni;
  • scarabocchio doppio per 30 secondi: disegnare, cioè, con entrambe le mani contemporaneamente di tutto e in tutte le direzioni.

Potresti provare a farlo insieme a tuo figlio, anche solo per gioco e per ttrascorrere del tempo insieme: credo che sarà una vittoria in ogni caso 😆

Condividi – come ho fatto anch’io scrivendolo – questo articolo e clicca “mi piace” 😉 altri potrebbero trovare beneficio da queste parole.

 

Grazie!

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.