Con questo articolo concludiamo il nostro viaggio panoramico nel mondo dell’E-Learning. La domanda che ora ci poniamo è:  “Ma come è suddiviso questo mondo?”
 
L’E-Learning essenzialmente si divide in due tipologie di approccio didattico:
  1. BLENDED LEARNING
  2. PURE LEARNING
Analizziamo brevemente entrambe le tipologie di apprendimento.
 
BLENDED LEARNING
Il Blended Learning, letteralmente apprendimento misto, prevede la “compresenza” dell’attività didattica in aula ( formazione con docenti in presenza, libri, etc.) e della formazione a distanza ( formazione con contenuti didattici on-line, tutor, etc.).
Quindi gli utenti che si avvalgono di questa tipologia di e-learning hanno già fruito dei contenuti del corso da loro scelto attraverso lezioni frontali ossia le classiche lezioni tenute in aula dal docente. Ciò significa che nel momento in cui essi seguiranno il corso attraverso una piattaforma e-learning avranno già un background formativo, ossia una conoscenza degli argomenti, abbastanza ampia.
 
PURE LEARNING
Il Pure Learning, letteralmente apprendimento puro, invece, non prevede la formazione in presenza, quella in aula per intenderci, ma sfrutta a pieno le opportunità offerte dalle tecnologie dell’informazione per fornire una formazione unicamente e puramente a distanza. In tal caso, gli utenti che si avvalgono di tale tipologia di apprendimento non hanno conoscenza dei contenuti formativi di cui andranno a fruire attraverso una piattaforma di e-learning.
 
BLENDED vs PURE
 
Ma allora quale delle due tipologie di e-learning è la migliore?
 
Beh! A questa domanda non è possibile dare una risposta secca!
La motivazione è che entrambe portano alla conoscenza di determinati contenuti formativi. La differenza potrebbe essere nel tempo di fruizione di questi contenuti.
Per capirci meglio: supponiamo che ci siano due persone, Sig. Bianchi e Sig. Rossi che fruisco di uno stesso corso di “informatica di base” ma il Sig. Bianchi lo segue in modalità Pure Learning e il Sig. Rossi in modalità Blended Learning.
Secondo voi chi apprende prima i contenuti del corso a distanza?……Ovviamente il Sig. Rossi, risponderete voi, il quale aveva già seguito il corso attraverso le lezioni frontali (in aula)!
 
Ma non è sempre detto che sia così!
 
Infatti, da alcune sperimentazioni si è evinto che spesso l’aver seguito già in aula un corso porta gli utenti ad essere troppo sicuri delle proprie conoscenze precedentemente acquisite e quindi, a porre, poca attenzione ai contenuti della formazione a distanza. Infatti, non di rado capita che i risultati dei test di valutazione on-line delle conoscenze acquisite dagli utenti in modalità Blended learning siano peggiori dei risultati ottenuti dagli utenti in modalità Pure learning i quali risultano essere più attenti ai contenuti formativi di cui fruiscono solo attraverso la piattaforma e-learning.
 
In definitiva, entrambe le modalità di apprendimento a distanza sono validissime. L’apprendimento di contenuti formativi non dipende dalla scelta di una o dell’altra modalità ma essenzialmente e principalmente dipende dalla volontà del singolo soggetto.  

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.