L’ Osservatorio ANEE, negli anni, ha svolto diverse indagini affinchè lo sviluppo dei  processi formativi basati sull’utilizzo delle nuove tecnologie sia sempre più vicino alle reali esigenze del mondo moderno.

Secondo l’ Osservatorio ANEE l’ E-learning è caratterizzato da diverse variabili e gode di varie caratteristiche.

Quali sono le variabili dell’ e-learning?
Le variabili sono le seguenti:

  • la multimedialità: valorizza l’integrazione tra diversi media favorendo una migliore comprensione dei contenuti;
  • l’interattività con i materiali: favorisce percorsi di studio personalizzati e valorizza l’impegno dello studente;
  • l’interattività umana: permette la creazione di contesti collettivi d’apprendimento (le classi virtuali);
  • l’adattività: offre la possibilità di adattare i percorsi formativi sulla base delle performance e delle interazioni dello studente/utente con i contenuti online;
  • l’interoperabilità: ossia la possibilità di riutilizzo delle risorse utilizzate e/o generate durante l’uso dei sistemi tecnologici.


Quali le caratteristiche?

Le caratteristiche sono :

  • la dinamicità: l’e-learning è sottoposto ad un continuo aggiornamento fornendo un approfondimento costante e sempre maggiore dei contenuti fotmativi;
  • il contesto di immediatezza: esso opera in tale contesto facendo sì che sia il contenuto sia il tutor o decente siano presenti contemporaneamente;
  • la diversificazione dei percorsi formativi: l’e-learning prevede un percorso sincrono ed uno asincrono.

Cosa si intende per percorso formativo sincrono e asincrono?
Non dimentichiamo che ogni studente ha un proprio ritmo d’apprendimento e un personale approccio ai tempi della formazione; per tale motivo esistono percorsi che prevedono attività formativa sincrona ed altri che prevedono attività formativa asincrona, nei migliori dei casi sono proggettati proponendo un mix delle due modalità.

La formazione sincrona permette di sentirsi più vicini allo stile dell’aula, infatti si è compresenti virtualmente al docente e ai colleghi.

La formazione asincrona permette, invece, di organizzare il proprio percorso formativo in totale autonomia, perdendo però la possibilità di condividere instantaneamente la propria esperienza con altri studenti.

Capite bene che la soluzione ottimale è data dalla fusione di queste due modalità. Ma di questo ve ne parlerò nei prossimi articoli!

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.