Conosci l’Ho’ponopono e i suoi incredibili benefici?

Come ormai saprai prendo spesso spunto, per scrivere gli articoli, proprio dalle domande che ricevo.
Qualche giorno fa, il caso ha voluto che ricevessi, da parte di due mie lettrici e un lettore, tre domande relative allo stesso argomento.

LE DOMANDE

1. Maria mi chiedeva: “Hanno un significato particolare per te quelle 4 frasi che hai inserito nelle prime pagine del libro?”

2. Giulia invece: ”Come mai hai inserito l’ Ho’ oponopono agli inizia del libro?”

3. Ivo, infine: “Hai avuto modo di essere in contatto con l’ Ho’ oponopono, in occasione della stesura del tuo libro?”

Era evidente che Giulia e Ivo avevano già avuto modo di conoscere l’ Ho’ponopono.
E tu conosci l’Ho’ponopono?

Lo so che questa parola, soprattutto se non l’hai mai sentita prima, ti risuonerà un po’ strana (devo ammettere che è stato così anche per me all’inizio).
Prima di rispondere alle domande, vorrei dedicare un piccolo spazio, senza pretendere di entrare nel dettaglio, alle origini e al significato della pratica dell’ Ho’ oponopono, che consiste nella ripetizione delle frasi:
Mi dispiace,
perdonami,
ti amo,
grazie.

ORIGINI

E’ un metodo di guarigione molto antico, una forma di meditazione/preghiera del popolo Huna, che abitava le isole Hawaii.
E’ stato rielaborato per il mondo moderno dall’ultima sacerdotessa Morrnah Nalamaku Simeona, Maestra superiore di Ho’oponopono, per fare in modo che potesse diventare una tecnica da applicare anche singolarmente da ciascuno in forma privata, senza dover essere in gruppo.
La diffusione dell’ Ho’oponopono a livello mondiale si è avuto grazie soprattutto ad iniziare da un articolo intitolato “Il terapeuta più strano del mondo”, di Joe Vitale, scrittore ed esperto motivazionale di grande successo di fama internazionale, autore del programma best-seller, The Secret.

L’articolo inizia cosi:
“Due anni fa, sentii parlare di un terapeuta che, alle Hawaii, curò un intero reparto di pazzi criminali, senza mai vederne nemmeno uno. Lo psicologo studiava la cartella di uno dei pazienti e guardava dentro di sé per vedere come aveva creato la malattia di quella persona. Migliorando se stesso, il paziente migliorava!”

 

A COSA SERVE IN SINTESI

La tecnica Ho’ oponopono insegna a superare i conflitti interpersonali e a lasciar andare i blocchi interiori che causano uno squilibrio interiore, purificando la mente da convinzioni, pensieri e ricordi che intrappolano e di cui, spesso, non si è nemmeno troppo consapevoli.
Infatti dal significato originale, “Ho’” vuol dire mettere, consegnare, dare, e “Pono” significa giusto, di successo, morale.
Quindi possiamo sintetizzare con “mettere le cose al posto giusto”.

E a chi non fa piacere sentirsi in ordine, con le cose al posto giusto?

Ecco le mie risposte alle domande di Maria, Giulia e Ivo .

Le frasi hanno un significato molto profondo per me perché da quando ho scoperto ed iniziato a praticare l’ Ho’ponopono, spontaneamente lo “recito” quando mi capita di imbattermi in qualche interlocutore ancora non ha conosciuto il mio metodo per una comunicazione efficacie in 3 semplici passi ( a proposito, hai letto l’articolo? )
E’ proprio in quelle situazioni difficili, magari in cui sento sta iniziando a generarsi un conflitto ed in cui non desidero alimentare polemica, che dico a me stessa “se tutto ciò è capitato, è perché io devo ancora imparare qualcosa dall’altro che mi sta evidenziando qualche dettaglio a me sconosciuto e che devo ancora mettere in ordine” così come viene tramandato dal Ho’ oponopono.
Così inizio a ripetere nella mia testa
“Mi dispiace,
perdonami,
ti amo,
grazie,
fino a che mi sento finalmente libera dal conflitto ed in ordine.

E’ stata proprio la ripetizione di queste frasi o anche diversamente definiti “mantra” che ho ricevuto una forte spinta nell’accrescere il mio sentimento di gratitudine, che poi mi ha portata a realizzare la stesura del libro ( uno dei miei sogni da realizzare)
Per questo motivo, ho voluto dare il mio contributo affinché il maggior numero di persone possibili, tutte quelle che riuscivo a raggiungere, avessero occasione di entrare in contatto con l’ Ho’ponopono, rimandando poi ai tanti libri scritti sull’argomento e alle risorse online che possono essere facilmente reperibili.

 

Vorrei invitarti a ripetere le frasi dell’ Ho’ponopono, naturalmente mettendoci convinzione ed apertura della mente e del cuore.
Se ti è piaciuto l’articolo ti invito a condividerlo con i tuoi amici e se desideri conoscere il metodo 3T che mi ha portata a costruire la mia felicità coltivando la gratitudine, corri a prendere il mio libro “Dillo con un GRAZIE e sii felice”.

 

Grazie, grazie, grazie
Anna Katia Di Sessa
la tua coach della gratitudine

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.