Cinque buoni motivi per passare alla Bioedilizia

Da un po’ di tempo si sente molto parlare di bio-architettura, bioedilizia e risparmio energetico  non solo come una esigenza di miglioramento del nostro ambiente ma anche come una necessità per rilanciare un settore (quello dell’edilizia) che negli ultimi anni sta soffrendo un po’.

Inoltre l’utilizzo di materiali naturali  ha un influenza notevole sul benessere delle persone. Ormai è dimostrato che i materiali ‘chimici’ con cui sono realizzate le nostre case possono avere effetti dannosi sulla nostra salute; ecco perchè un ritorno ai materiali naturali ma con le conoscenze e le tecnologie attuali possono avere un impatto notevole sul miglioramento del nostro benessere.

Ultimamente ovunque si sente parlare di bioedilizia e di energie rinnnovabili: seminari, corsi, festival, meeting, riviste specialistiche dove si parla tantissimo di questi temi. Le persone sono sempre più sensibili alla materia anche se  forse ancora un pò disorientate nelle scelte da fare. Ma finalmente il diffondersi di una cultura “bio” e la sensibilizzazione all’ambiente cominciano a dare frutti… anche oltre le mode!

 

Ormai la bioedilizia è una realtà. Si possono realizzare case con struttura in legno e con muri di canapa e calce. Materiali naturali al 100% che garantiscono un eccellente isolamento termico, acustico oltre a salubrità dei locali e benessere  ambientale. Queste case non necessitano di riscaldamento, si realizzano in tempi ridotti rispetto all’edilizia tradizionale e garantiscono un risparmio economico nel tempo ed un totale rispetto dell’ambiente (appunto bioedilizia).

Questi sono i 5 motivi principali per cui conviene costruirsi una casa in Bioedilizia oggi:

 

1. SICUREZZA E FLESSIBILITA’

Una struttura in legno è una struttura naturale che è progettata secondo le normative antisismiche e che garantisce la massima sicurezza per le persone che abitano questa casa. Tent’è che anche a L’Aquila dopo gli eventi sismici del 2009, le nuove costruzioni sono state realizzate con struttura in legno. E’ un materiale  più leggero  e sicuramente più ‘flessibile’ sotto l’azione sismica.

 

2. SALUBRITA’

Il rivestimento in canapa e calce garantisce alla casa una traspirabilità che non si può ottenere con i materiali tradizionali. Questo conferisce salubrità ai locali perché la casa respira e non si formano condense ed umidità all’interno. I locali sono quindi più salubri e confortevoli.

 

3. COMFORT  TERMICO

L’isolamento termico che si ottiene con una parete di 36 cm in canapa e calce permette di  fare a meno dell’impianto di riscaldamento.  Una ottima inerzia termica permette di avere locali caldi d’inverno e freschi d’estate senza la necessità di utilizzare impianti di riscaldamento o di raffrescamento. Il risultato finale è quello di un ambiente gradevole per le persone che lo abitano.

 

4. ECOLOGIA E AMBIENTE

Non solo non inquina ma la casa in legno, canapa e calce è in grado di catturare CO2 dall’ambiente migliorando la qualità dell’aria che si respira. Inoltre questa costruzione è completamente riciclabile, nel senso che tutte le sue parti si possono riutilizzare nel caso di demolizione evitando onerese operazioni di smaltimento.

 

5. RISPARMIO ECONOMICO

A parità di costo economico rispetto ad una casa tradizionale la soluzione della costruzione in legno, canapa e calce permette di ridurre i tempi di realizzazione da 18 mesi a 4 mesi, inoltre ottenere una casa di classe A+ anziché di classe C permette di avere un risparmio energetico nel tempo che ripaga ampiamente l’investimento.

Questi sono solo alcuni dei vantaggi di una casa in bioedilizia. In definitiva una casa così dà serenità e benessere alle persone nel totale rispetto dell’ambiente…

Un primo passo per lasciare un mondo migliore ai nostri figli!

Se desideri avere  informazioni più specifiche per un progetto in bioedilizia o per una consulenza di Ingegneria Olistica non esitare a contattarmi direttamente.

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.