Amare se stessi è il vero segreto per raggiungere la felicità.

Ogni volta che comincio a sentirmi il peso del mondo addosso, cerco di pensare a tutte le persone che continuano a vivere una vita meravigliosamente felice, nonostante le circostanze avverse. Come ci riescono? Come fanno ancora a ridere e giocare quando la routine sfrenata di tutti i giorni è causa di stress ?

 

La risposta a questa domanda non è poi così difficile.

La vera felicità viene da dentro, e la gioia interna è raramente colpita da eventi esterni.

 

Come si diventa veramente felici?

Il primo passo, e spesso non è così ovvio, è quello di cominciare ad amare se stessi. In un momento di depressione , una volta un amico mi ha detto che “il vero amore richiede l’accettazione”.

Quindi, se veramente si vuole iniziare ad amare se stessi, significa che bisogna accettare il fatto che non siamo perfetti. Le persone fanno scelte sbagliate tutto il tempo. Ma le persone veramente felici riescono sempre a imparare qualcosa dai loro errori. Se siete  sul serio alla ricerca della vera felicità, è importante per voi accettare il fatto di “essere” un ESSERE UMANO. E di tanto in tanto, di incasinare le cose.

 

La vera felicità deriva anche dalla soddisfazione. Se siete veramente contenti del lavoro, della  famiglia, degli amici, del posto in cui si vive, della propria auto, e tutte le altre cose dentro e intorno al vostro”spazio personale”, la risposta alla domanda “Come faccio a trovare la felicità vera? ” non è difficile da trovare.

Questo viaggio che chiamiamo vita è un percorso in cui il nostro scopo è quello di imparare la differenza tra giusto e sbagliato, cercando risposte , facendoci domande, vincendo e perdendo. La felicità è il viaggio, non l’arrivo.  E tutte le cose negative e positive che si incontrano, sono le cose che  accadono quando si respira !! Anche i fallimenti sono necessari. E questi fallimenti non dovrebbero mai impedirci di diventare felici.

Le persone felici non si sentono mai fallite.

 

Al contrario, esse tendono a guardare al fallimento da un punto di vista più ottimistico. Gli ottimisti credono che fallimento sia solo una momentanea battuta d’arresto. Così,cominciano a concentrarsi e a creare un piano per risolvere il problema. Essi utilizzano spesso una tecnica nota come “reinterpretazione positiva”. In altre parole, interpretano un’ esperienza negativa in un maniera che li aiuti a imparare e crescere. Le persone che abbracciano questo ottimismo percepiscono il fallimento come una sfida, che li obbliga quindi a impegnarsi di più.

La vera felicità non consiste nel guidare la macchina più bella o abitare nella casa più grande. La vera felicità ha molto poco a che fare con l’accumulo e il possesso delle cose materiali. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ” il trofeo del primo posto” nella vita non sempre va al più veloce, al più forte, al più coraggioso, o addirittura al migliore.

 

Perché?

È perché ognuno di noi ha la nostra definizione di felicità. Per uno scrittore, la vera felicità può significare la creazione di un best seller. Per un giocatore di calcio può significare vincere un’importante torneo. Tuttavia, per un mendicante, la vera felicità può essere semplice come ottenere un pasto caldo.

 

La vera felicità non consiste nell’ avere tutte le cose migliori del mondo: si tratta di fare del tuo meglio, e fare il massimo in ogni situazione.

La volontà e la determinazione emergeranno quando si imparerà a sorridere dei propri errori e dire a se stesso”posso fare meglio la prossima volta”. La vera felicità richiede la capacità di stare in piedi e provare di nuovo ogni volta che si cade a terra.

 

Imparare ad accettare se stessi e le proprie colpe, è il primo passo verso la ricerca di autentica felicità. E una volta che hai imparato ad accettare te stesso, sarà più facile accettare anche gli altri. Ricorda, l’amore è davvero un atto di accettazione, e quando si sa come accettare gli altri, sarai accettato a tua volta. Una delle regole immutabili della vita è che si ottiene sempre ciò che si mette da.

“Ma che cosa è la felicità se non la semplice armonia tra l’uomo e la vita che conduce?” – Albert Camus

 

Per tutte quelle volte che rimandi e credi che la soluzione non è in te, leggi questo…

 

 

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.